In centro ambulanze contromano: finiscono in trappola

I mezzi di soccorso che devono intervenire nella parte alta della città sono obbligati a uscire percorrendo in senso contrario le vie Hugo e Del Carmine. Quando incontrano altri veicoli si blocca tutto. La proposta dei cittadini: un telecomando che in caso di emergenza azioni il rosso del semaforo alla Porta a terra. L'assessore contatta la ditta specializzata, presto un sopralluogo

portoferraio - la foto

Condividi
Foto di Massimiliano Pardi

Ambulanza imbottigliata. È successo ancora, ieri, ma non si tratta di un fatto eccezionale. Anzi, capita spesso, secondo i residenti del centro storico: l’ambulanza – quando deve intervenire nel cuore di Portoferraio – resta intrappolata. Dal centro storico, infatti, non può uscire come le altre auto. Deve percorrere contromano via Victor Hugo e via Del Carmine, per poi uscire dalla Porta a terra. Un’operazione difficile, quando i mezzi di soccorso incontrano altri veicoli, che percorrono le strade nel loro senso di marcia, e i cui conducenti sono ignari di tutto.

Il problema è stato sollevato in un gruppo facebook dedicato ai problemi della città, e comprensibilmente suscita preoccupazione: spesso le auto, quando si vengono a trovare faccia a faccia con l'ambulanza con le sirene spiegate, devono fare retromarcia fino alla Porta a terra perché lungo il percorso non vi sono più spazi per fermarsi. “Una delle ultime volte – si legge nella testimonianza del cittadino che ha sollevato il problema - oltre all'ambulanza è arrivata la camionetta dei vigili del fuoco e il camion, perché non riuscivano ad entrare in casa di una signora che aveva chiamato perché si sentiva male”. Massimiliano Pardi, che ha sollevato la questione, più volte nell’ultimo mese, propone: "Che ne dite di mettere davanti alla Porta a terra un bel semaforo che possa essere azionato con telecomando dai mezzi di soccorso, quando vengono a fare un intervento nella parte alta di Portoferraio? Il costo da affrontare è quello di un semaforo e quattro telecomandi”.

Alla segnalazione, sempre sul gruppo "Tenimo pulita Portoferraio", ha risposto l’assessore al Traffico, Carlo Rizzoli: “Ho parlato stamani – ha detto - con la ditta Iles di Empoli che ci ha fornito i semafori in questione. L'ingegnere con cui ho parlato – come il comandante della Polizia municipale - mi conferma che esistono sistemi diversi per risolvere situazioni emergenziali come quella che è capitata. Mi ha parlato anche di semafori sensibili alle sirene, che cambiano il programma istantaneamente”. La ditta – lo ha reso noto allora l’assessore - verrà a Portoferraio a verificare la situazione e proporre soluzioni.

Indietro martedì 21 agosto 2012 @ 04:11 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus