Rimozione Concordia, 40 quesiti di Clini alla compagnia

L'operazione è complessa e delicata. Il ministro: "Potrebbe avere un impatto sul fragile ambiente delle isole. Ecco una serie di domande al gruppo Costa

il disastro del giglio

Condividi

"Il progetto di rimozione della nave Concordia selezionato dalla compagnia Costa Crociere-Gruppo Carnival è impegnativo e complesso" e "potrebbe avere un impatto significativo sul fragile ambiente dell'isola del Giglio e dell'arcipelago toscano". Per questo il ministro dell'Ambiente Corrado Clini ha sottoposto alla compagnia di navigazione 40 quesiti sulla rimozione e tutela ambientale.

"L'urgenza di rimuovere la nave per restituire 'normalita'' all'isola richiede tempi brevi - afferma in una nota il ministro Clini - e per assicurare un'elevata protezione dell'ambiente e al tempo stesso l'avvio delle operazioni di rimozione, d'accordo con la Regione Toscana e la Provincia di Grosseto, abbiamo sottoposto alla compagnia di navigazione quaranta quesiti sulle misure di prevenzione e di controllo che la società armatrice intende adottare per evitare i potenziali effetti ambientali negativi delle operazioni programmate". "Sulla base delle risposte della compagnia ai quesiti- conclude il ministro nella nota -, saranno definiti tempi e modalità delle procedure per le autorizzazioni ambientali necessarie all'avvio e all'attuazione del progetto di rimozione della Costa Concordia".

 

Indietro giovedì 26 aprile 2012 @ 10:04 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus